La Cheesecake: Tutto quello che Dovresti Sapere

Dall'America o dall'Europa? Cruda o Cotta? Philadelphia e Digestives? Domande e Risposte sulla Cheesecake.

scritto da: Veronica | aggiornato il 4/6/2021

Le Vere Origini delle Cheesecake

Se pensavi che la cheesecake fosse americana… È il momento di cambiare idea! La prima proposta di cheesecake si sviluppa in realtà molto più vicino a noi, in Grecia.

Nasce dalla semplicità degli ingredienti che offriva e offre tuttora la terra mediterranea e in particolare da due cibi molto diffusi: miele e formaggio di pecora, uniti assieme in quella che noi oggi chiameremmo una torta.

E quale migliore occasione di assaggiare questa prelibatezza, se non i Giochi Olimpici? Si crede infatti che proprio durante queste competizioni si consumasse la “cheesecake” originale, per rifocillare gli atleti.

Qualche secolo sono stati i Romani a mettere mano alla ricetta: il formaggio, reso dolce dal miele, viene spalmato tra due dischi di pasta, creando così la cosiddetta “placenta”. Certo non il nome più invitante per un dolce, ma sono anche passati millenni!

Ad oggi, una rapida ricerca su Google ci mostra quante tipologie di cheesecake siano diffuse sul globo: dolce, salata, con la frutta, con la cioccolata, con le verdure, con il salmone, vegana, senza glutine, con biscotti, con panna acida, con yogurt… ecc. Fate una prova: troverete non meno di 160.000.000 di risultati! Questo basta a farci capire quanta strada abbia fatto ad oggi questo popolarissimo dolce!

A dispetto delle sue origini, oggigiorno la cheesecake è considerata un dolce americano, tutto perché nel 1872 James Kraft creò, per errore come spesso capita per le migliori invenzioni, la Philadelphia, il creamcheese per antonomasia, un gustosissimo formaggio spalmabile che è poi divenuto l’ingrediente principale della moderna cheesecake.

Curiosità: ogni anno Alphaville usa più di 1000kg di formaggi di altissima qualità per realizzare le vostre cheesecake!

Il Formaggio: il Philadelphia è la scelta giusta?

A proposito di formaggio, il Philadelphia è sempre la scelta giusta per la vostra cheesecake? Non fatevi trarre in inganno dalla sia popolarità: sebbene il Philadelphia sia certamente un’ottima materia prima e di facile reperimento (è infatti uno dei prodotti alimentari maggiormente diffusi nella grande distribuzione), esistono molte varietà di creamcheese di simile qualità se non migliori, certamente più naturali e spesso più economiche.

Inoltre esistono varie alternative a questo formaggio che possono rendere la vostra ricetta assolutamente unica: dal formaggio Quark, una variante di creamcheesepopolare soprattutto in Germania, allo yogurt greco per una versione più leggera, per finire con i buonissimi formaggi della nostra gastronomia, come vedremo più avanti.

La cheesecake "classica" è la nostra torta più venduta! Non ti sveleremo che formaggio usiamo, ma possiamo garantirti che è un formaggio di altissima qualità e prodotto rigorosamente senza consrvanti!

Giorno Nuovo, Ricetta Nuova

Cos’hanno in comune un newyorkese, un italiano e un giapponese? Già, non l’avreste mai detto, ma è proprio la cheesecake!

Ne esistono infatti per ogni palato, ma ci sono delle ricette diventate più famose di altre ed eccoci qui ora a parlarvene.

NEWYORKESE: si tratta della ricetta più conosciuta e la ragione per cui è diffusissima come “vero dolce americano”. La sua caratteristica principale è di avere una glassatura a base di panna acida, versata sulla superficie della torta già parzialmente cotta, che viene poi infornata nuovamente per consentire il raggiungimento di uno strato liscio e bianchissimo, dalla consistenza perfetta.

GIAPPONESE: Un altro continente, un’altra versione! Avete presente un mix tra cheesecake e soufflè? Se no, dovete assaggiare questa ricetta! I giapponesi, infatti, hanno eliminato la base di biscotti e burro tipica di questo dolce, rendendo il dolce più alto e soffice, simile ad una mousse. Tutto questo è reso possibile dall’unione di una pastella di albume con la crema di formaggio, cotto poi a bagnomaria per ottenere il curioso effetto morbidezza. Per ultimo, si aggiunge la marmellata a piacere.

E infine la cheesecake ITALIANA: con il nostro amore per i formaggi, come poteva mancare una cheesecake tutta nostra? Negli ultimi anni infatti abbiamo iniziato ad usare la ricotta – presto diventata molto popolare in tutto il mondo come alternativa al creamcheese  per la sua maggiore leggerezza e cremosità – ma anche la più saporita robiola o il mascarpone, dal sapore più morbido e con minore acidità rispetto ad altri formaggi.  E, perché no (solo per intenditori) il gorgonzola! Tutti formaggi golosi e cremosi, perfetti protagonisti di questo dolce e ideali per creare la versione cruda, leggermente più compatta e meno umida della sua cugina Newyorkese e dal sapore più fresco e leggero.

La nostra cheesecake choconuts è una ricetta fusion a base di ricotta, leggerissima e cremosa. Ha una glassatura alla nocciola e cocco, un biscotto Nippon al cioccolato e riso soffiato. scopri di più! 

Cruda o Cotta?

Sebbene la versione cotta, o Newyorkese, sia la più conosciuta, la versione cruda sta diventando sempre più diffusa, specie nel nostro paese.

Diversamente dalla versione al forno, nella ricetta cruda non è previsto l’utilizzo di uova, accorgimento che lascia più spazio all’ingrediente principale: sua maestà il formaggio.

Se nella versione al forno fondamentale è l’utilizzo della panna acida, nella versione cruda si aggiunge generalmente la panna per dare cremosità all’impasto (non sottovalutate l’importanza di questo ingrediente! Una panna di buona qualità è indispensabile per ottenere un buon risultato, una cheesecake compatta e cremosa).

Nella versione cruda della cheesecake è necessario un’ulteriore accortezza per far sì che la crema si mantenga soda e compatta una volta messa nello stampo. Generalmente si utilizza la gelatina – la colla di pesce – oppure un gelificante vegetale come l’agar-agar. Sono tutti ingredienti dal sapore neutro che influiscono sulla consistenza della torta ma non sul sapore.

In entrambe le varianti fondamentale è l’utilizzo di un estratto di vaniglia di qualità. Seppur difficile da reperire, la vaniglia è essenziale per ottenere dolci di Evitate surrogati economici come la vanillina se volete ottenere un buon risultato.

Tutte le nostre cheesecake sono prodotte con vaniglia bourbon proveniente del Madagascar! Anche la cheesecake rustica, tra le più amate dai nostri clienti: con crema al mascarpone, biscotto al cacao e una sbriciolata dei nostri cookies al cioccolato. Scopri di più!

La Base al Biscotto: Meglio Usare i Digestives?

Cruda o cotta che sia, la cheesecake non può prescindere dalla sua base al biscotto. La ricetta classica vuole che si utilizzino i Digestives, non sempre facili da reperire e con un prezzo decisamente al di spora della media. In generale dei frollini secchi di buona qualità saranno certamente adatti alla vostra cheesecake, semplici o perché no al cacao o alla nocciola! Da evitare invece biscotti morbidi come i savoiardi.

É possibile arricchire la base al biscotto con granella di nocciola o mandorle, fiocchi di avena, gocce di cioccolato.

Dirimente per la buona riuscita della base è l'ingrediente che serve per amalgamare il tutto e renderlo abbastanza compatto per sostenere la vostra cheesecake: il burro. Per ottenere un buona base non lesinate con questo ingrediente! Un buon risultato non può prescindere da una dose importante di burro di qualità: da prediligere il burro prodotto nel Nord Europa, Bretagna e Normandia in primis. É possibile sostituire questo ingrediente con del buon miele millefiori, ma solo in parte: consigliamo infatti di non escludere del tutto il burro dalla vostra base al biscotto.

Per una ricetta gluten free potete usare una base "Nippon" con riso soffiato e cioccolato fondente senza togliere niente alla golosità della vostra cheesecake. 

Quali sono le nostre proposte di cheesecake? Le trovi tutte qui sotto!

alpharossetti srl via brunamonti 49, 06124 perugia  |  privacy policy  |  copiright © 2021. tutti i diritti riservati

  • facebook
  • Black Instagram Icon